Agopuntura

agopuntura

L’Agopuntura consiste nel pungere la pelle con aghi sottili in punti ben precisi chiamati punti d’Agopuntura allo scopo d’influenzare il flusso di energia nei canali. Si può influire sui punti d’Agopuntura non solo pungendoli (Agopuntura), ma anche riscaldandoli (moxi-bustione), massaggiandoli col dito (digitopressione), applicandovi correnti elettriche (elettro-agopuntura) o addirittura laser (laser-agopuntura). In questi modi si ottengono effetti diversi ma sostanzialmente di tipo analgesico dovuto alla liberazione di endorfine a livello cerebrale.

L’agopuntura è nata in Cina e il testo principale che ne ha codificato per secoli le leggi sembra risalire al II-IV secolo a. C.; ancora oggi è ufficialmente riconosciuta e insegnata nella Repubblica Popolare Cinese.
Secondo la dottrina fondamentale anche l’omeostasi, che condiziona la sopravvivenza del nostro organismo, è legata, come tutto l’universo, all’equilibrio alternativo delle due forze Yang e Yin, l’una cosmica e l’altra terrestre. Organi, visceri e funzioni riconosciute dall’anatomia e dalla fisiologia dell’antica Cina sono caratterizzati ognuno dal principio Yang e da quello Yin. Queste energie scorrono nel corpo lungo una serie di tragitti denominati Jing Luo (percorsi e vasi) e tradotti nel linguaggio occidentale meridiani. In corrispondenza di questi, in superficie vi sono determinati punti, stabiliti dalla tradizione.

Recentemente, l’efficacia dell’agopuntura è stata riconosciuta dalla medicina nella riduzione del dolore lombare (il classico mal di schiena), dentario e ginecologico su prove ottenute sul “campo”. Lo stesso CNR ha dimostrato tempo fa l’efficacia dell’agopuntura che produrrebbe un rilascio di enzimi o di mediatori chimici sostanze simili alla morfina.
I punti da stimolare vengono scelti di volta in volta dall’agopunturista in base ai dolori e allo stato del paziente.

Nell’agopuntura generalmente si usano aghi d’acciaio flessibili e molto più sottili degli aghi impiegati nelle iniezioni. Con questa tecnica non si iniettano farmaci. Il dolore è generalmente lieve e ben tollerato. Per non correre rischi gli aghi devono essere monouso, ovvero usati una volta sola e poi eliminati per eliminare il rischio di trasmissione di malattie infettive come epatite e HIV.

[maggiori informazioni | foto wikipedia]

Articoli correlati

Una risposta a “Agopuntura”

  1. Agopuntura per la fertilità - BioBlog scrive:

    […] donne con problemi di fertilità possono affidarsi all’agopuntura se vogliono aumentare le probabilità di restare incinte con la fecondazione artificiale: lo […]

Rispondi