Esame del sangue per diagnosticare l’aneurisma aortico

aneurisma aortico arteria toracica

L’aneurisma aortico è una patologia silente che consiste in una dilatazione anormale dell’arteria aorta che col tempo può scoppiare e provocare così una emorragia che lascia pochissime possibilità di salvezza.

Da oggi, grazie ai ricercatori dell’Università di Yale, l’aneurisma aortico o TAA (thoracic aortic aneurysm) si potrà diagnosticare semplicemente eseguendo un esame del sangue o -ancora meglio- un semplice test casalingo.

Come ho già detto l’aneurisma è una patalogia asintomatica, in altre parole la diagnosi il più delle volte si fa incidentalmente durante un esame ecografico, TAC o risonanza magnetica, eseguiti per altri motivi. Solo un paziente su venti, al contrario di quanto appena detto, avverte dolori addominali per il rigonfiamento che opprime gli organi circostanti permettendo una diagnosi un po’ più rapida.

Una volta diagnosticato l’aneurisma, se il diametro dell’arteria supera i 7cm, si deve ricorrere alla terapia chirurgica.

Nella ricerca effettuata dal gruppo di scienziati, sono stati prelevati campioni di sangue da 58 persone a cui era stato precedentemente diagnosticato l’aneurisma aortico e 36 persone senza questa patologia. Tramite dei microarray, sono stati poi individuati i geni espressi, trovando ben 41 geni come firma della patologia.

Il test messo a punto dal team ha una precisione che raggiunge l’85% e si basa sull’ipotesi che il sistema immunitario giochi un ruolo chiave nello sviluppo dell’aneurisma e in particolare che i geni espressi riflettano lo stato della malattia.

Articoli correlati

Rispondi