Il sesso migliora la qualità dello sperma

pene organo maschileUna frequente attività sessuale (almeno una volta al giorno) migliora la qualità genetica dello sperma.

È questa la scoperta fatta da alcuni andrologi mentre cercavano risposta nei difetti genetici presenti nello sperma di un paziente. Già dopo la prima settimana di “attività” i medici hanno osservato la stessa concentrazione di spermatozoi maturi, ma con materiale genetico migliore.

Un materiale genetico definito scadente può portare essenzialmente a due conseguenze: la prima è che gli spermatozoi non riescano a fertilizzare l’ovulo e la seconda è che, nel caso di fecondazione, si possano verificare problemi al feto.

Lo studio, diretto dal professor David Greening ha coinvolto 42 pazienti con alto livello di danneggiamento genetico dello sperma. Dopo 3 giorni di astinenza dal sesso il 30,8% degli spermatozoi è risultato possedere DNA danneggiato. Agli stessi pazienti è stato poi richiesto di fare l’amore almeno una volta giorno per una settimana e questa volta i test hanno mostrato un miglioramento delle condizioni con il solo 12,8% di sperma geneticamente compromesso in 37 pazienti. Nei 5 che mancano all’appello si è riscontrato -al contrario- un peggioramento significativo dei danni al DNA.

Il Dottor Allan Pacey, andrologo presso l’Università di Sheffield, ha commentato: «L’eiaculazione giornaliera costringe l’organismo a produrre nuovi spermatozoi in modo da evitare che lo sperma rimanga troppo a lungo nell’epididimo e quindi più esposto a possibili danneggiamenti».

Probabilmente lo stesso lo può effettuare qualsiasi persona con problemi simili utilizzando magari il test casalingo per la fertilità maschile.

Articoli correlati

2 Risposte a “Il sesso migliora la qualità dello sperma”

  1. fabio scrive:

    …ne ero assolutamente certo!!! ciaooo

  2. La soia rende gli uomini sterili? - BioBlog scrive:

    […] fa vi avevo parlato di come poter aumentare la qualità dello sperma semplicemente avendo dei rapporti sessuali frequenti (con cadenza almeno giornaliera), ora arriva una scoperta interessante secondo cui la soia non […]

Rispondi