Nuovo ospedale di Mestre

ospedale mestre ulss 12 veneto

A Mestre sta per “vedere la luce” l’ospedale tecnologicamente più avanzato d’Italia e all’avanguardia in Europa.

La prima pietra è stata posata il 20 febbraio del 2004 e per il 1° gennaio 2008 sarà completamento operativo al servizio dei malati con un innovativo padiglione della Banca degli Occhi e un laboratorio per le cellule staminali dell’epitelio.

Il progetto del nuovo ospedale dell’ULSS 12 del Veneto porta le firme degli architetti Alberto Altieri ed Emilio Ambasz ed è costituito da una vela di vetro da una parte e dall’altra giardini pensili su terrazze digradanti che allegeriscono la struttura dell’ospedale immersa in un grande parco: 117.600 m2 “assorbiti” nell’area complessiva di 260 mila. All’interno dell’area verde che circonda l’ospedale è prevista la realizzazione di due laghetti: il primo vicino all’eliporto e al pronto soccorso e il secondo in prossimità dell’ingresso dell’edificio ospedaliero; non sono solamente un elemento paesaggistico, ma un’importante riserva idrica in caso di incendio.


Il presidio ospedaliero si estenderà su 117.600 m2 in un’area di 260 mila.

Qualche numero dell’ospedale:

  • 350 camere (2 letti + bagno)
  • 20 culle
  • 72 day hospital e Day Surgery
  • 35 dializzati
  • 535 parcheggi per il personale
  • 557 Parcheggi per i visitatori
  • 680 posti di degenza ospedaliera
  • 16 sale operatorie
  • 24 terapia intensiva

Qualche numero del cantiere:

  • 500.000 m3 movimenti di materia
  • 100.000 m3 di calcestruzzo
  • 15.000.000 Kg di acciaio
  • 16.000 m2 di superfici vetrate
  • 1.000.000 di metri di cavi elettrici
  • 250 operai al lavoro al giorno nei periodi di punta

Articoli correlati

23 Risposte a “Nuovo ospedale di Mestre”

  1. demish scrive:

    Sarebbe bello lavorare in un posto del genere!

  2. franci scrive:

    Buongiorno
    guardando le foto e leggendo la descrizione sarebbe proprio bello e gratificante lavorarci… io sono un ostetrica laureata da poco a napoli

  3. Dada scrive:

    Caspita ho visto questo ospedale su rai 3 ed è veramente bello e all’avanguardia come hai mostrato te!! dovrebbero essere tutti come questo gli ospedali…..

  4. io scrive:

    Magari sarà anche un bell’edificio ma le teste saranno le stesse!!!!
    Andiamo bene!

    I.P. di mestre

  5. io scrive:

    E volevo aggiungere…….anche lo stesso nr di infermieri. oss ecc ecc, comprese certe attrezzature antiche visto che hanno il codice per il trasloco

  6. Dott. X scrive:

    Ho fatto una visita guidata nei mesi scorsi e sembra comunque che dal lato paziente le cose siano decisamente migliori rispetto agli ospedali attuali.
    I macchinari se non sono obsoleti e funzionano bene non vedo motivo di buttarli…

    Poi è logico che siamo in Italia…

  7. io scrive:

    Migliore da lato dei pazienti vuol dire, a mio parere, avere un’assistenza infermieristica che educhi prevenga e assista il malato in modo adeguato, che ci sia qualcuno che riesta a rispondere almeno al suono del tuo campanello, che in urgenza ci sia del personale non impegnato in un’altra urgenza (e parlo anche di medici), non solo quattro mura nuove. I macchinari per quanto ci riguarda sono pompe d’infusione che suonano in allarme ogni due minuti, cardioline senza ventose…..obsoleti? si può tirare avanti…hai ragione.

  8. Cinzia scrive:

    Vorrei conoscere se c’è possibilità di fare domanda in amministrazione e a chi va presentata domanda?
    Grazie

  9. martino scrive:

    Quando c’è investimento e tecnologia nella sanità è per il bene di ognuno di noi: la salute!
    Lo stesso vorrei fosse fatto con le risorse umane : oss, infermieri , tecnici è questo tipo di personale che innalza l’assistenza e la qualità, perchè sono a diretto contatto con i pazienti!

    Cari amici ed amiche,l’associazione delle figure professionali che operano, collaborano, coadiuvano sia nel sociale che nel sanitario sono:

    Associazione delle professioni infermieristiche e tecniche
    Operatore Socio Sanitario (OSS) – Infermieri Generici – Psichiatrici – Puericultrici –
    Infermieri – OTA – ASSS – Adest – OSA

    Sede sociale via Motta Santa 44 Fondotoce 28924 Verbania tel 0323 496081 – fax 0323 406882 3387491756

    E-mail info@migep.it

    http://www.migep.it/forum

    Il nostro credo è:
    Essere, sapere e saper fare da sempre, con impegno ,volontà, serietà nei confronti delle persone bisognose ed ammalate.
    Un caro saluto a tutti e alle vostre famiglie!

    http://www.migep.it

  10. b&n scrive:

    Ciao, l’ospedale e’ molto bello, anche se non l’ho ancora visto di persona all’interno ma solo in foto, poi si sa’ che ogni posto di lavoro ha le sue pecche, ma dobbiamo esser fieri di vantare un ospedale fra i piu’ tecnologici d’italia, poi tutti dicono che Galan, presidente della regione veneto, ha fatto grandi cose e specialmente che il sig.Lamanna, direttore generale del usl 12 ha organizzato bene le cose.
    Non posso confermarlo in quanto non tastato sulla mia pelle, ma a sentito dire Lamanna merita un grazie da tutti e non solo critiche come riportato sui giornali, poi si sa che i giornali son figli del “bugiardello”.

    Ieri ho letto che al nuovo ospedale e’ nato il primo bmbo…evvai la macchina si mette in moto.

    Mi piacerebbe conoscere qualcuno che vi lavora gia’ dentro per sapere come ci si trova.

    Ho letto dell’asilo nido, ed e’ molto bello poter usufruire di questo servizio…. e’ gia’ in funzione??

    —–x Cinzia: tempo fa hanno fatto un concorso x infermieri, 21 a tempo determinato, il concorso anzi a quanto sembra concorsone x oss e’ gia’ terminato, da 1963 domande sono stati 514 i fortunati a passarlo….

    Casomai puoi telefonare all’ufficio personale, ogni usll ne ha uno.

    ciao a tutti

  11. Melania scrive:

    vorrei lavorare li e’ stupendo….. chiamatemi vi prego!!!!

  12. b&n scrive:

    Ciao melania, che qualifica hai?

    http://www.migep.it

  13. mara scrive:

    salve a tutti, certo complimenti x l’ospedale bello certo, ma forse non troppo funzionale, anzi come prima.
    Per caso o sfortuna ho dovuto recarmi con mio figlio, purtroppo la macchina x ecocardio non funzionava lista d’attesa x oltre 15 giorni (urgente) IN PEDIATRIA UNA SALA GICHI ENORME (quasi come casa mia) vuota ed io ad aspettare per tre ore, la pediatra doveva DA SOLA accettare i pazienti del pronto soccorso pediatrico, neonatologia ed il suo reparto cioe pediatria e chi e’ SUPERWOMAN………. non credo che sia colpa degli infermieri che al pronto soccorso sono stati molto gentili, ma di tutto il sistema che non va, l’unica cosa di pregare…….. di non aver mai bisogno e sperare che il buon DIO CI AIUTI.
    una mamma molto molto delusa

  14. mara scrive:

    un altro dubbio, mi assale, visto che sono un onesto cittadino che paga le tasse, ho visto nella mia lunga attesa molti giardinieri che toglievano a mano le erbacce, e’ piu’ importante vedere e pagare un bel giardino curato , e avere poi dentro l’ospedale un servizio inadeguato verso il malato, forse sono io che mi sbaglio e do’ piu’ importanza a tante cose che all’estetica…..mah speriam ben che qualcuno mi legga e sia dalla parte del malato

  15. Teddi Stafuzza scrive:

    E’ vero che il consumo orario di metano è 2.500 metri cubi all’ora? Il dato era pubblicato su Il Gazzettino cronaca di Mestre nella pagina di presentazione tecnica elaborata a firma del giornalista Maurizio Dianese.
    Come mai non vi è presenza di pannelli fotovoltaici, come previsto dalle leggi 192/2006 3 311/2007? L’aria condizionata e il riscaldamento sono generati da pompe di calore alimentate a metano? Grazie.

  16. cisti di Tarlov sacrale scrive:

    Se qualcuno mi desse informazinoi su questa patologia, e dove potermi recae per le eventuali terapie, od eventuale intervento chirurgico la ringrazio già da ora. Distinit saluti, Carniel Sabrina.

  17. Carniel Sabrina scrive:

    Srivo per avere informazioni sulle cisti sacrali di Tarlov, che quì da noi sembrano non essere prese in considerazione, e sembra che solo l’estero sia l’ultima spiaggia per la cura e terapia, sopratutto quella chirurgica. Non sò se sto scrivendo nel posto giusto, ma se qualcuno avesse notizie ringrazio di cuore già da ora. Cordiali saluti, Sabrina.

  18. Melania scrive:

    scusa se ti rispondo in ritardo sono una puericultrice….

  19. LAURA scrive:

    ciao,devo far operare mio figlio di sei anni al pene,volevo sapere come sono i pediatri e tutto il reparto pediatria…non mi fido molto dei medici…e vorrei mettere mio figlio in mani sicure.

  20. Maria scrive:

    Ciao, vorrei sapere come si fa a entrare nell’ amministrazione dell’ ospedale dell’ “angelo”…ci sono concorsi?siti internet?

  21. floricica scrive:

    sono infermiera rumena,fcendo una ricerca sul vostro sito ho apena saputo di questo ospedale, deve essere un sogno per chi sta lavorando la.Io non posso permetermi a sognare perche ormai so che non riuscirei mai a lavorare in un posto cosi bello.Ho fatto una esperienza qui in Italia in una casa di riposo però tutti ano detto che per una straniera e dificile che sia accetata a lavorare in un ospedale publico,lo so che si fano concorsi ,sono andata anche io a due però non sono stata brava,anche se la mia esperienza in Romania lo fatta al ospedale publico rep. ortop .traumatologie.

  22. carla scrive:

    L’ospedale è veramente bellissimo!Io sono una puericultrice cha ha lavorato per diversi anni in vari ospedali del piemonte e a Macerata(la mia città di origine).poi ho avuto un bambino e sono rimasta a casa con lui.Ora vorrei ricominciare,come si fa a lavorare nel vostro?

  23. Espedito scrive:

    Cerco anche io lavoro e non saprei come fare. Qualcuno può aiutarmi, cortesemente ? Si presume che siamo circa 4000 gli Operatori Socio Sanitari, i nuovi disoccupati creati sotto il governo del Premier Prodi. Molte le esigenze della Sanità Pubblica e privata sopratutto quella privata. Ecco per queste esigenze si è reclutati, [dagli Enti pubblici e privati] un maggior numero di candidati preposti a lavorare nella Sanità che dovrebbe bandire concorso ma questi sono pochi, quasi nessuno. Naturalmente oggi non si formano più OTA perchè la nuova figura, l’OSS, è meglio rispondente alle esigenze della sanità pubblica. Al giorno d’oggi sono molti i problemi che incombono sulla Sanità della provincia di Napoli. La legge sul Caro Presidente, impropriamente conosciuta come “Ragazzi Precari”, consente di proteggere diverse categorie di persone, in particolare le più bisognose, un maquillage di opere cinematografiche, i disegni, le fotografie ed i programmi per computer. Un padre sara preoccupato per il proprio ragazzo precario. Anzi, sicuramente piu per lui che per se stesso. Ma tendenzialmente i politici tendono a scaricare i disoccupati ultra quarantenni sullo stato di famiglia.
    Riconosciuta l’influenza negativa del fattore sociale, sul disagio dei giovani a trovare un lavoro. Al giorno d’oggi gli ultra quarantenni si trovano ancora in condizioni precarie, per tanto questi come lo scrivente vuole affermare la priorità sui diritti: La persona viene al mondo con una ricca dote di diritti: nasce col diritto alla vita, alla conservazione, alla cura, alla nutrizione, alla difesa, all’affetto, all’educazione. Questi sono a carattere umano un riconoscimento a realizzarsi concretamente ? Tutto ciò è contrario a quel che recita la repubblica Italiana. Riconosciuta l’influenza negativa del fattore sociale sul disagio, e di contro, verificarne anche l’importanza per il superamento del disagio stesso. Gli assitenti Sociali non provvedono ad una retta via dei gestori che lasciano gli ultra quarantenni nelle onde. Detto in parole povere senza soldi in tasca il sabato e domenica. Ogni gioco revela l’inteligenza di ogni età. Per ogni età quindi ci deve essere un raggiungimento di uno scopo. Anche una passeggiata leccando un gelato è una distrazione per il nostro cervello. Ci si chiede quale possa essere quella situazione sociale o comunitaria in cui fattori negativi e positivi si bilanciano in modo da creare un equilibrio tale da permettere a tutti i componenti della comunità il raggiungimento di una “sanità”, gli Enti Pubblici inbellettano di chiacchiere la società Stabiese. Edy Ferraiuolo

Rispondi