Il ritorno degli acari

polvere acari acarina

Oggi in molte regioni è iniziato il nuovo anno scolastico e con esso ritornano i disturbi allergici tipici di questo periodo: gli acari.

Il ritorno a scuola, come indicato su allergia2000.it, infatti coincide con il periodo di riproduzione degli acari senza considerare che l’igiene ambientale della scuola inevitabilmente non è uguale a quella della propria casa.

Per rendere sopportabile dal punto di vista allergologico la scuola, occorre adottare alcune precauzioni per ridurre la concentrazione degli acari come quella di tenere aperte le finestre il più possibile per favorire la ventilazione e la riduzione dell’umidità interna (durante l’estate le scuole rimangono chiuse per cui si realizzano le condizioni ideali per far aumentare la concentrazione degli acari, ma anche di muffe e prodotti in sospensione).

Un’altra cosa fondamentale è l’igiene che deve essere curata il più possibile passando ad esempio l’aspirapolvere invece delle scope e trattare opportunamente cuscini, tende e quant’altro possa creare problemi alla salute dei più piccoli.

Articoli correlati

3 Risposte a “Il ritorno degli acari”

  1. beatrice scrive:

    io odio gli insetti e sapere che sul cuscino dove dormo ci sono certe schifezze mi viene male….

  2. Laura scrive:

    infatti mio figlio quando fa educazione fisica all’interno con i materassi vecchi di cent’anni poi ha sempre problemi di attacchi allergici.
    Ho provato a farlo presente alla preside ma non ho ottenuto risposte quindi in accordo con la pediatra gli ho fatto fare l’esonero totale.

  3. Nello scrive:

    io sono allergico al gesso fate un po’ voi… ogni volta che venivo interrogato era una tragedia in tutti i sensi 🙂

Rispondi