Sperma estratto dal midollo osseo

Spermatozoi midollo osseoLa notizia che nei giorni scorsi ha avuto risalto nella cronaca ha quasi dell’allegorico. Le maggiori testate mondiali hanno parlato di un vicino futuro nel quale non sarà più necessaria la presenza maschile per la procreazione.

Prima il Professor Karim Nayernia aveva scoperto che si poteva arrivare a delle cellule progenitrici degli spermatozoi, partendo da cellule staminali prelevate nel midollo osseo, ora -insieme alla Northeast England Steam Cell Institute di Newcastle- stanno ottenendo risultati insperati (e sorprendenti) che porterebbero questo tipo di cellule a specializzarsi e diventare del vero e proprio sperma.
La teoria vede come risultato la sparizione dell’infertilità maschile, ma l’orizzonte di usi sembra pressoché infinito, arrivando addirittura alla procreazione a partire da due donne.

Non tutti però sono entusiasti di questi risultati: il Professor Harry Moore, dell’Università di Sheffield, si è dimostrato scettico e preoccupato per questa tecnica, che potrebbe portare a mutazioni genetiche “non previste”. Robin Lovell Badge, del National Institute of Medical Research di Londra, alza invece i toni su un aspetto fondamentale: l’assenza del cromosoma Y (ad esclusivo appannaggio del patrimonio genetico maschile) potrebbe non bastare all’autoproduzione di cellule spermatiche.

[via repubblica]

Articoli correlati

2 Risposte a “Sperma estratto dal midollo osseo”

  1. UnUt WeBlog ::.. scrive:

    Fecondazione, l’ultima sfida: presto sperma dal midollo osseo delle donne…

    Secondo il New Scientist il professor Karim Nayernia sostiene di poter ricavare sperma dal midollo osseo femminile ed ovuli da quello maschile, prospettando l’ipotesi di figli con entrambi i genitori rappresentati dalla stessa pers…

  2. Sperma ricavato dal midollo osseo femminile - BioBlog scrive:

    […] notizia dell’estrazione dello sperma dal midollo osseo in queste ore è rimbalzata su tutti i maggiori organi di informazione, ma in realtà risale al 16 […]

Rispondi