Archivio di marzo 2007

Scoperta la proteina che dona la vita eterna

sabato 31 marzo 2007 di Federico Illesi

All’istituto di Bran Sant Mergy è stata scoperta una proteina, ribattezzata infinitina, in grado di allungare la vita per un tempo che al momento sembra quasi infinito.
Questa proteina, secondo i ricercatori, va a inibire il segnale di morte programmata delle cellule e anzi ne stimola il rinnovamento e la produzione di nuovi tessuti.

Lo studio iniziato nel 1996 (reso pubblico solo ora) è stato eseguito su dei topi, la cui vita mediamente non supera i due anni, e dopo più di 10 anni sono in perfetta salute.

Nella continuazione del post la sensazionale foto della scoperta.

[Continua a leggere »]



Tag:

Inseminazione artificiale fai da te

sabato 31 marzo 2007 di Federico Illesi

inseminazione artificiale

Milioni di persone convivono con problemi di fertilità: problemi ai quali -fino ad oggi- non ci sono state tantissime opzioni di risoluzione. Quelle poche attualmente in uso prevedono medicinali costosi o complesse procedure mediche.

A cambiare forse la sorte di molti potrebbe essere il Conceivex Conception Kit, il primo sistema completo per la riproduzione, già approvato dalla FDA (Food and Drug Administration).
Il kit contiene: un test per verificare la fertilità, un raccoglitore del seme e un dispositivo per tenerli a contatto con la cervice per 4 6 ore. Così facendo la probabilità che lo sperma vada a fecondare l’ovulo nella cavità uterina aumenta.

Il costo è di 300$, circa 225€, e si stima che potrebbe risolvere nella sola America i problemi di circa 7 milioni di persone.

[via gizmag]



Tag: ,

Scienziato Vs persona normale

venerdì 30 marzo 2007 di Federico Illesi

scienziato persona normale

Sopra, una simpatica vignetta che spiega in modo umoristico la differenza tra uno scienziato e una persona normale.

[via geneticsandhealth | foto xkcd]



Tag:

Spot per il controllo del colesterolo

giovedì 29 marzo 2007 di Federico Illesi

Don’t Play With Your Health. Check Your Cholesterol.

colesterolo

Non giocare con la salute. Controlla il colesterolo

È questo lo spot commissionato dal ministro della salute portoghese all’agenzia McCann per sensibilizzare una volta di più la popolazione sull’importanza di eseguire dei monitoraggi costanti sul proprio stato di salute. Infatti, come spesso accade, molte persone si rendono conto di avere livelli di colesterolo troppo elevati solo quando sono costrette a recarsi all’ospedale per problemi cardiaci.

Sotto l’illustrazione completa tratta da adsoftheworld



Tag:

Stent coronarico bioriassorbibile

mercoledì 28 marzo 2007 di Federico Illesi

ABSORB è il primo stent al mondo ricoperto di farmaci e soprattutto bioriassorbibile per trattare i problemi legati all’arteria coronarica.
Al momento questo particolare stent è stato testato su 30 pazienti con ottimi risultati: più del 93% degli impianti non hanno avuto alcun problema come trombosi e ischemia.

Lo stent bioriassorbibile, come riferito dalla stessa casa prosuttrice, è realizzato in acido polilattico, un materiale molto biocompatibile utilizzato già nella produzione delle suture che si riassorbono col tempo.

Sotto alcune illustrazioni molto interessanti e nella continuazione la procedura completa per inserimento dello stent.

[Continua a leggere »]



Tag: , , , ,

Microjet System, iniezioni indolore

martedì 27 marzo 2007 di Federico Illesi

Iniezioni senza ago

I ricercatori del UC Santa Barbara e UC Berkley in collaborazione con il California based StrataGent Life Sciences hanno sviluppato microject system, un dispositivo per eseguire delle iniezioni senza l’utilizzo del tanto odiato ago.

In particolare questo sistema combina l’alta velocità -più di 100m/s- e il diametro del getto -compreso tra i 50 e i 100µm- riuscendo così a inoculare dai 2 ai 15 nl (nanolitri) di farmaco a pulsazione. Da qui deriva il nome di “Pulsed Microjet System”, ovvero sistema a micro getti a impulsi.

Sotto un’illustrazione sul funzionamento di questo dispositivo per le iniezioni indolore.

[via ucsb]



Tag:

Mappa della scienza

sabato 24 marzo 2007 di Federico Illesi

mappa della scienza

Ecco come funziona la scienza: oggi vedo un articolo interessante, mi viene un’idea e domani faccio un articolo sullo stesso argomento con le mie idee, ovviamente dovutamente provate e motivate. Nella realtà non è tutto così veloce, ma se questi ricercatori sono stati in grado di raccogliere 800 000 articoli scientifici pubblicati in 776 diversi ambiti significa che questo mondo funziona molto bene. Questi articoli sono stati esaminati con degli algoritmi sofisticati che hanno individuato le varie connessioni bibliografiche e hanno estratto le parole chiavi principali.
È bello soprattutto vedere come tutta la scienza sia un po’ interconnessa, se non fosse così ingegneri informatici, fisici e medici non si parlerebbero e oggi probabilmente non avremo la TAC.
Ecco il link a Flickr e a Seedmagazine, dove è disponibile la versione originale a una spaventosa definizione: 24Mpx; nella galleria alcuni dettagli.

[via battellemedia]



Tag:

Tumore alla spalla ignorato per troppo tempo

venerdì 23 marzo 2007 di Federico Illesi

tumore cancro spalla

Huang Liqian, un signore cinese di 58 anni, nel 1990 si è accorto di avere un tumore sulla spalla ignorando il tutto. Finalmente recatosi in un ospedale perché in difficoltà con i movimenti gli è stata diagnosticata una massa tumorale di ben 15kg.

L’operazione si è conclusa con successo anche se è bene ricordare una volta di più di monitorare il proprio corpo costantemente perché come diceva un saggio cinese: “è l’unico posto che abbiamo per vivere”. Saggezze a parte, molte persone per svariati motivi decidono di posticipare a oltranza le visite mediche senza considerare che certi mali prima vengono scoperti più le probabilità di uscirne indenni aumentano!

[via metro]



Tag: , ,

ICE, in caso di emergenza

giovedì 22 marzo 2007 di Federico Illesi

in caso di emergenza

Gli operatori sanitari hanno segnalato che molto sovente, in occasione di incidenti stradali, i feriti hanno con loro un telefono cellulare. Tuttavia, in occasione di interventi, non si sa chi contattare tra la lista interminabile dei numeri della rubrica perdendo molto tempo nella ricerca.

Così per ridurre i tempi hanno lanciato una proposta semplice e realizzabile da tutti noi: inserire nella lista dei contatti del nostro telefonino la persona da contattare in caso d’urgenza sotto uno pseudonimo predefinito. Lo pseudonimo internazionale conosciuto è ICE (In Case of Emergency).
È sotto questo nome che bisognerebbe segnare il numero della persona da contattare utilizzabile dagli operatori delle ambulanze, dalla polizia, dai pompieri o dai primi soccorritori. In caso vi fossero più persone da contattare si può utilizzare ICE1, ICE2, ICE3, etc.
Facile da fare, non costa niente e può essere molto utile per non lasciarvi soli in attesa che finalmente si riesca a risalire ai famigliari. Se pensate che sia una buona idea, vi chiedo di informare tutti i vostri parenti e amici di modo che questo comportamento rientri nelle consuetudini abituali.

Qualcuno ritiene che questo sia un procedimento inutile, anche se è bene dire che il responsabile del 118 di Milano ha già espresso parere favorevole, proponendo altre soluzioni come dei cartoncini plastificati sui quali apporre tutte le informazioni. Personalmente credo che, essendo il cellulare il dispositivo che portiamo sempre con noi ovunque, sia un’ottima proposta e che soprattutto possiamo fare tutti

Qian Hongyan torna a camminare

giovedì 22 marzo 2007 di Federico Illesi

protesi gambe

Qian Hongyan, una bambina che oggi ha otto anni, quando ne aveva solo tre ha avuto un brutto incidente a cui è seguita l’amputazione degli arti inferiori. Da allora ha vissuto adattandosi a questa condizione camminando su una palla e muovendosi sulle mani.

Dopo anni di sofferenze Qian, grazie all’aiuto dei medici e degli ingegneri che hanno seguito questo caso, è tornata a camminare con l’aiuto di due protesi fissate al suo addome. Al momento è già in grado di muoversi con l’aiuto del padre, ma con le innumerevoli fisioterapie a cui è sottoposta costantemente potrà tornare ad una vita il più possibile normale.

[via scotsman]



Tag: ,