Archivio di gennaio 2007

Evitiamo i luoghi comuni

mercoledì 31 gennaio 2007 di Federico Illesi

Don’t let yourself be infected by hearsay. Rumour: A blowjob without condom is not risky.

malattie veneree hiv preservativo

Non farti contagiare da quello che dicono gli altri. Diceria: il sesso orale senza preservativo non è rischioso.

La INPES ha commissionato all’agenzia francese BETC euroRSCG una campagna mirata per sfatare gli innumerevoli luoghi comuni di cui tutti noi spesso siamo vittima: dalle tecniche per non rimanere incinta fino alle dicerie -pericolose- per non contrarre malattie veneree.

Un consiglio? Usate sempre il preservativo.

[via adsoftheworld]



Tag: , , , ,

Sistema di monitoraggio mobile

mercoledì 31 gennaio 2007 di Federico Illesi

segnali biomediciIl Professor Bryan Woodward e il Dottor Fadlee Rasid, del dipartimento di elettronica, hanno creato un sistema che permetterà ai medici di osservare da remoto quattro diversi segnali biomedici da pazienti che possono muoversi liberamente.

I segnali che possono essere trasmessi sono:

– elettrocardiogramma (ECG);
– pressione sanguigna;
– saturazione dell’ossigeno;
– livello di glucosio nel sangue (qui un altro apparecchio specifico per questo parametro).

Grazie all’Indian Institute of Technology Delhi sono riusciti a miniaturizzare il sistema che impiega un sensore e un piccolo processore per acquisire i dati biomedici e inviarli, tramite la connessione internet del cellulare, al computer del medico curante.

In futuro si potranno creare anche dei programmi adatti ai dispositivi mobili che monitorano costantemente le nostre condizioni cliniche e magari in caso di un aggravamento chiamare autonomamente i soccorsi.

[via medgadget]



Tag:

Gli effetti indesiderati del fumo

martedì 30 gennaio 2007 di Federico Illesi

Quello che vi propongo oggi è un video che tratta in maniera molto cruda e forte gli effetti indesiderati del fumo su se stessi e sugli altri.

Non vorrei spaventare nessuno, ma se finora avete tentato di smettere con pastiglie o altri trattamenti senza successo questo video vi farà quantomeno riflettere e probabilmente convincere a livello mentale che forse è arrivato il momento di gettare via le sigarette… per sempre.

Distrofia muscolare, un altro passo in avanti

lunedì 29 gennaio 2007 di Federico Illesi

distrofia muscolareSotto il termine distrofia muscolare si raccolgono un gruppo di gravi malattie neuromuscolari a carattere degenerativo, determinate geneticamente e che causano atrofia progressiva della muscolatura scheletrica.
Si calcola che in Italia l’1% circa della popolazione sia affetto da malattie neuromuscolari; questa percentuale equivale grosso modo al 10% di tutti gli ammalati neurologici.

La patologia si manifesta principalmente nei maschi e dipende da un’alterazione del gene X che determina la mancata produzione di una proteina denominata distrofina.

La mancanza di distrofina a sua volta rende il sarcolemma (sottile membrana connettivale molto elastica che circonda le fibre muscolari striate) debole e suscettibile alla lacerazione durante le contrazioni muscolari che nel tempo portano a una atrofia muscolare.

Fino a qualche anno fa non esistevano cure, ma, come affermato da Francesca Pasinelli (direttrice scientifica di Telethon), dopo le scoperte di Irene Bozzoni, di Pier Lorenzo Puri e Giulio Cossu è notevolmente diminuita la distanza che ci separa dalla sperimentazione di terapie sull’uomo e dalla possibilità di arrivare ad applicarle ai pazienti. La terapia genica e quella di trapianto cellulare ora sono molto più di una speranza: dopo aver curato e guarito, per primi al mondo, bambini affetti da una grave forma di immunodeficienza, abbiamo ottenuto un primo successo anche in una importante malattia genetica della pelle, curata a Modena da Michele De Luca.

[via wikipedia | foto telethon]

Microonde contro gli agenti patogeni microbici

lunedì 29 gennaio 2007 di Federico Illesi

riccio spugnaProbabilmente dopo l’importante scoperta di Gabriel Bitton sull’uso delle microonde per eliminare gli agenti patogeni microbici, il riccio sarà ancora più felice di abbracciare la sua amata spugna… Infatti, dopo uno studio condotto sui germi presenti in cucina, si è visto che una soluzione pratica, sicura e veloce per sterilizzare le spugne o pezze è di riporle nel forno a microonde per alcuni minuti.

Per avvalorare la scoperta gli studiosi hanno contaminato di proposito alcune spugne con una varietà molto ampia di batteri, virus, insetti, parassiti e spore. Il tutto è stato poi riposto in un normale forno a microonde e fatto funzionare con tempi diversi per misurare la durata minima per ottenere una sterilizzazione totale degli oggetti.
La ricerca -molto utile per tutti- ha dimostrato che dopo due minuti di microonde la maggior parte degli organismi è stata eliminata con successo, mentre per avere una sterilizzazione totale al 100% bisogna lasciare le spugne nel forno per una decina di minuti.

Insomma, con un trattamento così veloce e ripetuto periodicamente si possono evitare spiacevoli sorprese anche gravi: solo in America quasi 80 milioni di persone ogni anno contraggono malattie legate alle condizioni igieniche dei cibi e circa 9 milioni di esse muoiono.

[via indystar]



Tag: ,

Gli additivi alimentari iniziano con la “E”

sabato 27 gennaio 2007 di Federico Illesi

coloranti additivi alimentariMolto spesso quando guardiamo l’elenco degli ingredienti di alcuni cibi troviamo delle sigle numeriche precedute dalla lettera “E” (E number), come ad esempio E171 (Biossido di titanio) usato come colorante nelle gomme da masticare e non solo.

Per capire, o forse sarebbe meglio dire per decodificare, questi codici, ho creato una sezione apposita dedicata a tutti gli additivi alimentari, usati per il confezionamento dei cibi, in cui è possibile capire la classe di appartenenza di una particolare sigla e quindi trovare il nome vero della sostanza. A tal proposito vi invito a consultare prima di tutto la tabella degli additivi alimentari e successivamente le varie categorie:

Pensare col midollo spinale

venerdì 26 gennaio 2007 di Federico Illesi

midollo spinale

Il vecchio saggio diceva: «Dio ci ha dato due cervelli, ma non abbastanza sangue per usare entrambe allo stesso tempo» oggi appare quanto mai verosimile e reale.

Infatti, due scienziati dell’Università di Copenhagen, hanno dimostrato scientificamente che il midollo spinale usa meccanismi simili a quelli usati dal cervello.
Il professor Jørn Hounsgaard assieme al suo team, analizzando l’attività dei neuroni spinali durante i movimenti, ha visto che presentano un tracciato irregolare confrontabile a quello della corteccia cerebrale.

I nostri muscoli sono controllati da migliaia di cellule nervose presenti nella spina. Tutto questo complesso sistema deve lavorare in simbiosi per creare un singolo movimento. I ricercatori, facendo ripetere in modo accurato la stessa azione ad un paziente, hanno ottenuto un tracciato (dall’inglese pattern) che non appare mai uguale a se stesso -come accade con le onde cerebrali- dimostrando una particolare organizzazione.

[via medgadget]

Anestesia spray e ozono per la cura dei denti

giovedì 25 gennaio 2007 di Federico Illesi

anestesia spray e ozonoIn campo odontoiatrico in questi giorni si stanno realizzando i sogni e le speranze della stragrande maggioranza dei pazienti: anestesia e cura delle carie senza aghi e trapani.

I ricercatori della Buffalo University, coordinati dal dottor Sebastian Ciancio, hanno scoperto che l’anestetico spray usato dagli otorinolaringoiatri per gli interventi al naso, è in grado di “addormentare” anche l’arcata superiore della bocca.
Così si è deciso di procedere ad un vero e proprio studio su 85 pazienti che dovrà, tra le altre cose, stabilire il dosaggio ottimale dello spray.

Altro capitolo per la cura delle carie sempre il team di Buffalo sta sfruttando l’ozono (già abbondantemente utilizzato in medica) per eliminare i batteri che attaccano i denti senza dover adottare la tecnica invasiva del trapano per la rimozione completa della carie.
Il principio di funzionamento è molto semplice: l’ozono crea una pellicola protettiva sul dente malato schermandolo di fatto dall’attacco dei batteri e permettendo una rimineralizzazione.

Una piccola considerazione personale: se questo metodo per la cura delle carie venisse approvato si manderebbe in pensione il tanto temuto trapano e in parte anche la nuova anestesia spray.

[via medgadget]



Tag: , , ,

Antibiotici? La miglior scoperta dal 1840

mercoledì 24 gennaio 2007 di Federico Illesi

Abbiamo chiuso il sondaggio proposto a tutti voi per giudicare la miglior scoperta avvenuta dal 1840 ad oggi e qui di seguito vengono riportate le prime dieci posizioni:

La classifica -secondo voi- delle maggiori scoperte dal 1840 ad oggi
Scoperte Frazione percentuale
Antibiotici 19%
Anestesia 18%
Vaccini 16%
Computer 12%
Struttura del DNA 10%
Effetti nocivi del fumo 6%
Teoria dei germi 5%
Diagnostica per immagini 5%
Colture di cellule e tessuti 4%
Pillola contraccettiva 2%
Voti totali 460 (inizio 6 gennaio – fine 24 gennaio)

Per vedere tutti i risultati clicca qui.

Sfigmomanometro digitale

martedì 23 gennaio 2007 di Federico Illesi

sfigmomanometro digitale

La Matsushita’s (Panasonic) National ha sviluppato un dispositivo per misurare la pressione arteriosa in grado di accorgersi di eventuali errori, introdotti dall’apparecchio stesso o dalle persone (cattivo posizionamento del bracciale), che potrebbero invalidare il tutto.
Infatti, questo nuovo prodotto rileva e avvisa con un segnale acustico i cattivi allineamenti del sensore o movimenti che potrebbero indurre misure errate.

Negli ospedali si utilizza ancora lo sfigmomanometro a mercurio (accurato e preciso negli anni) proprio per evitare i problemi sopra citati che si ritrovano in molti misuratori di pressione elettronici.
Lo sfigmomanometro digitale sarà commercializzato in Giappone a partire da febbraio a circa 100$, poco più di 77€.

[via gearfuse]