Archivio di novembre 2006

Video Games e cervello

giovedì 30 novembre 2006 di Federico Illesi

videogiochi cervelloMentre in Europa si sta ancora discutendo se vietare certi giochi troppo violenti, negli States hanno condotto uno studio molto interessante che aiuta a comprendere i reali effetti indesiderati indotti nei giocatori. In particolare, si è visto che i giochi violenti, a differenza di quelli non violenti, stimolano zone del cervello responsabili del controllo delle emozioni e inibizioni.

Il problema ora si riconduce a capire come e se la stimolazione di queste zone agisca in modo permanente nelle persone. Al momento, l’unica cosa certa è che i più giovani dovrebbero astenersi o comunque non abusare di giochi troppo violenti.

[via ivanhoe]

Chirurgia sessuale a Milano

mercoledì 29 novembre 2006 di Federico Illesi

Dopo il successo del “Laser Vaginal Rejuvenation Institute” di Los Angeles, anche in Italia -precisamente a Milano- è arrivato un centro di laser-chirurgia sessuale: è possibile operare sia su corpi maschili che su quelli femminili.

Le tecniche spesso sono mininvasive e a risultato garantito e si focalizzano soprattutto sul ringiovanimento vaginale (Designer Laser-Vaginoplastica) per la donna e l’allungamento del pene per l’uomo (Designer Laser-Falloplastica).
Il target di riferimento è l’adulto mediamente tra i 30 e i 40 anni: i desideri più nascosti possono essere esauditi pagando tra i 3.500 euro e i 10.000 euro.

Tutte le operazioni si fanno in day hospital, hanno una durata media che oscilla tra le 4 e le 8 ore e sono fatte in leggera anestesia.
Ancora in versione sperimentale c’è la G-Spot Amplification: iniezioni di filler riempitivi sono progettati per accentuare il punto G, famosa sede del piacere sessuale femminile. Unica fregatura? Dura 6-8 mesi, poi si riassorbe naturalmente.

[via Repubblica]

Play Vibrations, l’anello vibrante

giovedì 23 novembre 2006 di Federico Illesi

anello durex

Play Vibrations è l’anello stimolante studiato da Durex per offrire fino a 20 minuti di divertimento e vibrante piacere sia per lui che per lei.
L’anello è monouso, però può essere acceso e spento più volte ed è utilizzabile con o senza profilattico (anche se ne è sempre raccomandato l’uso)!

Il costo per questi venti minuti “felici” è di 7€ e, data anche la cifra modica, son sicuro che qualcuno sarà più che onerato di provarlo per darci un suo personale giudizio!

Nella continuazione un video sufficientemente esplicativo…

[Continua a leggere »]



Tag: ,

Staminali e cancro al colon

martedì 21 novembre 2006 di Federico Illesi

cancro al colonScoperta tutta italiana dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS) guidato da Ruggero De Maria sulle cellule staminali responsabili di scatenare il cancro al colon.

L’individuazione delle staminali è stata resa possibile coltivando in vitro i due tipi di cellule presenti nel tumore al colon: circa il 98% cresce per 2 settimane e poi muore, mentre il 2% cresce senza limiti temporali. Infatti, come affermato dallo stesso De Maria, queste particolari cellule in coltura da oltre un anno e mezzo, continuano ancora ad espandersi.

Queste cellule staminali -particolarmente aggressive- sono pochissime, come già detto solo il 2% del totale, ma molto pericolose per l’uomo e con la loro individuazione si potranno sviluppare farmaci in grado di combatterle.

[via repubblica]

La FDA dice si alle protesi al seno al silicone

lunedì 20 novembre 2006 di Federico Illesi

protesi seno siliconeDopo un lungo e rigoroso studio, la Food and Drug Administration (FDA) ha approvato le protesi al seno realizzate in gel di silicone.
La cosa interessante è che dopo circa 4 anni di ricerche approfondite, che hanno portato l’ente ad approvare questo tipo di protesi, gli esperti continueranno a monitorare per almeno altri 10 anni circa 40.000 donne che si sono sottoposte all’intervento.

Tra i cosiddetti effetti indesiderati si segnalano: possibili rotture della protesi al seno, che quindi devono essere monitorate costantemente con la risonanza e -a differenza dei diamanti- l’intervento al seno non è per sempre, ma generalmente dopo qualche anno si deve reintervenire.

[via fda]

VeinViewer

venerdì 17 novembre 2006 di Federico Illesi

VeinViewerVeinViewer è un sistema ad immagini della Luminetx per visualizzare le vene dei pazienti che si sottopongono ad esami che richiedano -ad esempio- di entrare in vena con un ago.

Il dispositivo combina particolari luci infrarosse per dar la possibilità ai medici o agli infermieri di guardare in realtime e direttamente sulla pelle del paziente la posizione e conformazione delle vene. Questo risulterebbe di particolare utilità per tutti coloro che non amano subire ciò che spesso accade: inutili e noiose “punzecchiature” da parte di infermieri a volte un po’ inesperti che, convinti del loro lavoro, si ritrovano poi ad aver fatto un buco nell’acqua.

[maggiori informazioni]



Tag: , ,

BioPen

giovedì 16 novembre 2006 di Federico Illesi

biopen

BioPen è un dispositivo creato dalla Ben Gurion University in Israele per monitorare la presenza di agenti batteriologici nell’aria in meno di 20 minuti. I dati ottenuti vengono visualizzati su un display LCD. In aggiunta esiste un dispositivo per l’analisi dell’acqua per verificare se possa essere considerata potabile o meno.

Al momento il dispositivo è destinato ad un uso militare, ma non si esclude un possibile utilizzo nelle corsie degli ospedali dove si potrebbero diffondere virus e contaminare persone già debilitate.

[via medgadget]

Software 3D per mappare il dolore

martedì 14 novembre 2006 di Federico Illesi

software 3d dolore

La Brunel University ha creato un software 3D in grado di registrare e monitorare i punti in cui proviamo dolore.

In questo modo si potrà avere -sempre disponibile- una mappa cronologica tridimensionale che permetterà al medico di verificare l’evoluzione di alcune patologie in modo da adottare la terapia più giusta caso per caso.

[via medgadget]

Google in aiuto ai medici

lunedì 13 novembre 2006 di Federico Illesi

News in pillole dal MondoI ricercatori della Princess Alexandra Hospital stanno facendo un appello rivolto a tutti i medici per spronarli ad usare Google come fonte di informazioni, soprattutto nei casi più anomali e complicati.
Tutto ciò si basa sull’evidenza che, sempre più spesso, i medici che si trovano alle prese con casi particolari, scrivano la loro esperienza nei blog o forum.

[Per saperne di più]

Le migliori invenzioni del 2006

venerdì 10 novembre 2006 di Federico Illesi
migliori invenzioni mediche 2006

Ecco la classifica delle migliori invenzioni in campo medico del 2006, secondo la rivista Popular Science:

1. Vescica artificiale ricreata in laboratorio e perfettamente funzionante.

2. Test per il cancro basato sulla saliva.

3. Piede elettro meccanico con intelligenza artificiale.

4. Dispenser di farmaci per le arterie ostruite.

5. Scanner portatile tridimensionale, utile per gli ortopedici.

6. HeartWatch, per monitore le funzioni cardiache e segnalare imminenti attacchi di cuore.

7. Vaccino contro il cancro.

8. Ecografo con possibilità di inviare i dati sul computer del medico per una migliore analisi.

9. Procedura chirurgica per eliminare i problemi di asma.

10. Impianto di apparecchio acustico.

11. Test casalingo per il colesterolo.

12. Spray contro La E. Coli.