Il pillolo: contraccettivo maschile

spermatozoiGrazie ad uno studio condotto dal professor Yan Cheng, presso il centro di ricerca biomedica di New York, è stata scoperta una molecola, la ionidamina, in grado di indurre l’infertilità nell’uomo.

Da tempo infatti, molti ricercatori stavano studiando un equivalente maschile della pillola. Ora, la ionidamina blocca la formazione degli spermatozoi, andando ad interrompere la spermatogenesi; infatti, i gameti che si stanno sviluppando aderiscono alle cellule di Sertoli, che sono una sorta di “cellule nutrici”, in grado di alimentare lo sperma in via di sviluppo. I ricercatori statunitensi sono stati capaci di interrompere l’interazione tra i gameti e le cellule “nutrici”, usando una nuova molecola chiamata Adjudin. Per portare la nuova molecola direttamente nelle gonadi, dove avviene la spermatogenesi, i ricercatori l’hanno abbinata a una forma mutante dell’ormone che stimola il follicolo, cioè l’FSH.

L’unico problema è che tutto ciò è stato osservato e valutato nei ratti da laboratorio e il problema ora è di verificare se le potenzialità di questa molecola hanno gli stessi effetti nell’uomo.

[via Repubblica]

Rispondi