Reimpianto di braccio

radiografia braccioIn questo post verrà mostrato un intervento molto delicato per l’impianto del braccio; pertanto, per la natura delle immagini, si consiglia alle persone “sensibili” di non proseguire con la lettura.

Israel Sarrío è arrivato al centro di riabilitazione dell’ospedale di Peset a Valencia (Spagna) il 31 gennaio 2004 con un braccio sinistro amputato 5 centimetri sopra al gomito (a sinistra la radiografia).
Alle 14 i chirurghi del centro hanno cominciato la difficile operazione di lavaggio e sterilizzazione del braccio amputato. Successivamente è stata collegata l’arteria ad una macchina per la rivascolarizzazione dell’arto.
Poi è stato ricostruito l’omero, riparata l’arteria e il nervo.

braccio amputato

Tutto l’intervento è durato 21 ore e si è concluso con successo. Infatti, dopo un giorno nel reparto di cure intensive è stato trasferito in un reparto normale.
Due giorni dopo però è stata rilevata un’infezione che stava per compromettere seriamente l’operazione. A questo punto l’unica cosa possibile era di riamputare il braccio e di sistemarlo in un zona non infettata per conservarlo.
Così, col parere favorevole della famiglia, l’arto è stato collegato all’altezza dell’inguine dove i vasi sanguigni sono facilmente raggiungibili. Il nuovo intervento di microchirurgia si è concluso positivamente e il braccio è stato nutrito in questo modo per ben 9 giorni.

reimpianto arto

Il 12 febbraio 2004, dopo aver verificato la guarigione dall’infezione, è stato eseguito un nuovo intervento che ha permesso al paziente di non perdere il braccio.

braccio reimpiantato

[via medgadget | foto]

2 Risposte a “Reimpianto di braccio”

  1. tiziana scrive:

    il mio ragazzo ha 30 anni. all’età di 13 in seguito ad un incidente in auto ha perso l’uso del braccio che ha parzialmente recuperato dopo un intervento lunghissimo a napoli sempre 17 anni fa. non lo muove bene perchè i legamenti o i tendini (non lo so) sono corti. vorrei sapere se la scienza oggi permette di allungare i legamenti e se lui potrebbe recuparare in toto l’uso del braccio.
    grazie
    tiziana

  2. Manuel scrive:

    ciao tiziana,si è possibile,a un mio conoscente è successo che ha fatto un incidete,poi è riasto paralzzato e dopo 6 anni migliorato,cosi da operarsi,siccome era atrofizzato i tendini erano corti,e glieli hanno allungato con un intervento…

Rispondi