Rimborsi per i fumatori di light

fumatoreAvevamo già parlato in passato dei livelli di nicotina aumentati nelle sigarette, ora un giudice federale americano ha ammesso la partecipazione ad un’azione giudiziaria collettiva (class action) per tutti coloro che hanno acquistato sigarette con le diciture “light” o “mild”, dopo la loro immissione sul mercato americano, ossia dai primi anni Settanta. Potenzialmente decine di milioni di persone potranno ottenere una parte dei 200 miliardi di dollari (circa 156 miliardi di euro) della multa alla quale sono state condannati i produttori di sigarette.
Una recente sentenza aveva affermato che i produttori di tabacco avevano mentito per anni sapendo bene che le “sigarette leggere” contenevano ugualmente una quantità elevata di nicotina e catrame, e che quindi non fosse vero che facevano meno male alla salute dei fumatori e di coloro che respiravano il loro fumo pur non avendo mai comprato un pacchetto di sigarette.

[via Corriere]

Rispondi