Cimicifuga racemosa pericolosa per il fegato

Cimicifuga racemosa, Cimicifugae racemosae rhizoma (Black Cohosh, root)L’Agenzia Europea dei Medicinali e il Comitato per i medicinali di origine vegetale hanno diramato un’avvertenza diretta ai pazienti che assumono farmaci di origine vegetale contenenti Cimicifuga racemosa (Cimicifugae racemosae rhizom chiamata anche Black Cohosh), nel quale spiegano di consultare immediatamente il proprio medico soprattutto se si manifestano segni e sintomi di un danno epatico come stanchezza, perdita di appetito, colorazione gialla della cute e degli occhi o dolore alla parte superiore dello stomaco con nausea, vomito ed urine scure.

Si è venuti a conoscenza solo ora di danni epatici riconducibili all’assunzione di questa radice, utilizzata nel trattamento dei sintomi minori del climaterio e dei problemi della menopausa come vampate di calore, sudorazione e disturbi del sonno.

[via SaniHelp]

Articoli correlati

Rispondi