Charite, disco intervertebrale artificiale

Charite protesi disco intervertebrale

É controverso il parere sull’impianto del disco artificiale, a tutt’oggi molte compagnie di assicurazione in America infatti ancora non coprono questo tipo di intervento, come pure l’assistenza sanitaria statale (per i pazienti sopra ai 60 anni di età).

Darla Russell e Leah Coppersmith avevano problemi dorsali cronici, i loro medici hanno suggerito un impianto spinale artificiale del disco per ridurre il loro dolore e per ristabilire la loro mobilità.

Ora, Russell, 41 anni, di Wichita Falls, Texas, monta cavalli e porta sua figlia a cavaluccio. Ma Coppersmith, 35 anni, di Leonardtown, Md., è rimasto allettato per dei giorni, costretto a prendere numerosi medicinali impossibilitato a muoversi e a prendersi cura dei suoi figli.

protesi disco intervertebrale artificiale

Secondo i dati raccolti durante le prove cliniche della FDA, il 64% dei pazienti di Charité ha realizzato “il successo clinico generale” dopo due anni, rispetto al 57% dei pazienti a cui è stata praticata la fusione delle vertebre, un intervento in cui il disco danneggiato è rimosso e le vertebre vengono unite.
Per realizzare “il successo clinico generale” i pazienti hanno dovuto avvertire una diminuzione del dolore del 25% e non presentare cedimenti della protesi discale, deterioramento neurologico o complicazioni importanti.
Dall’approvazione dalla FDA del disco artificiale nell’ottobre 2004, più di 5.000 pazienti hanno ricevuto la protesi. Ma ci sono persone che criticano il “progetto” come pure i metodi impiegati per farlo approvare.
Il Charité, come tutte le protesi discali presenti sul mercato attualmente, non assorbe gli urti come un disco sano o non imita il movimento naturale, dice il chirurgo ortopedico Charles Rosen, direttore della California-Irvine Spine Cente, che crede che il disco sia pericoloso. Rosen afferma che la dislocazione o le fratture del disco anche possono causare i problemi.
Christianson replica dicendo che l’impianto dà ai pazienti più mobilità che non avrebbero senza il disco e che altre alternative chirurgiche non tengono conto del fattore di assorbimento degli urti.
“Per ora questo è quanto di più corretto e utile che noi possiamo fare” dice Christianson.
Ventotto diverse cause che sono state archiviate e prevede che lo saranno altre 40 – 50 entro agosto. I suoi clienti dicono che il Charité è difettoso e che DePuy non ha avvertito adeguatamente i pazienti dei pericoli derivanti da questo impianto.

Intervento disco intervertebrale

Si spera che prima di quanto abbiano fatto gli ortopedici, le assicurazione e le “comunità di regolazione” renderanno noti quanti benefici offre questo tipo di intervento e per quali pazienti è più indicato e quali lo siano attualmente.

[via MedGadget]

Rispondi