Liposuzione e liposcultura

liposuzione e liposculturaLiposuzione e Liposcultura sono due interventi differenti: con il primo si intende l’aspirazione di accumuli di grasso nel corpo, mentre il secondo è il rimodellamento del profilo del corpo che si ottiene rimuovendo e riposizionando, se necessario, il grasso nelle zone in cui scarseggia in modo da ridare armonia alla figura. Fino a poco tempo fa questo tipo di interventi erano rivolti solo alle donne mentre ultimamente il numero di uomini che si rivolgono alla chirurgia estetica, in particolare alla liposuzione, ha superato quello del gentil sesso. Dal mio punto di vista si dovrebbero limitare queste mode che considerano il “bisturi” uno strumento di benessere ed un mezzo estetico senza dargli invece il giusto peso.

La liposcultura ha fatto molti progressi nel corso degli ultimi 10 anni e questo è dovuto principalmente al miglioramento della tecnica che permette di ottenere risultati precisi e sicuri, senza complicanze, con una rapida convalescenza e guarigione, generalmente entro qualche giorno.
La tecnica più comunemente usata accompagna il normale ago aspirante ad una sorgente di ultrasuoni che distrugge e liquefa la massa grassa.

A tal proposito però bisogna tener presente alcune importanti indicazioni: la liposuzione non serve per dimagrire ma per rimodellare aree corporee che provocano un danno estetico; ci sono aree del corpo in cui si ottengono risultati più soddisfacenti come i fianchi, i glutei, le cosce e la zona sottomentoniera, mentre ce ne sono altre difficili da trattare dove l’errore di tecnica o la poca esperienza della mano producono risultati scadenti, come nel caso dell’addome e degli arti superiori.
É inoltre indispensabile accompagnare questi interventi ad un regime alimentare controllato e ad un buon esercizio fisico, pena il ripristinarsi delle condizioni presenti prima dell’intervento.

2 Risposte a “Liposuzione e liposcultura”

  1. alessandra scrive:

    Feci la prima lipoaspirazione ai glutei all’età di 25 anni con ottimi risultati, nel tempo ho frequentato palestre e centri di “remise en forme”, ma purtroppo mi è tornata così a 40 anni – ho rifatto l’intervento estendendolo anche alle gambe, il medico mi ha voluto fare l’operazione sottoponendomi ad anestesia peridurale, al mio risveglio non deambulavo più da una gamba, mi ha dimessa ugualmente e dopo un travaglio di tre mesi di punture di voltaren hanno scoperto che mi era fuoriuscita l’ernia L5-S1, mi sono dovuta operare, il chirurgo mi ha detto che ciò non era dovuto alle manovre della sua lipoaspirazione e mi ha anche minacciata che se gli facevo causa si sarebbe vendicato poichè avevo firmato un foglio di liberatoria………..a parte tutto ciò la cellulite è tornata ancora più invasiva……………

  2. Federico scrive:

    Salve, questo mi sembra un ricatto.. chi sbaglia paga e non ci sono liberatorie che tengano in casi del genere.

Rispondi