Impianto cocleare

impianto cocleare protesi acusticaL’impianto cocleare (I.C.) non è una protesi acustica, ma è un dispositivo elettronico molto sofisticato, in grado di sostituire la coclea. L’IC serve a quelle persone, bambini o adulti nati o diventati sordi, con una perdita uditiva totale o profonda in entrambe le orecchie e che mediante l’uso di protesi acustica non ricevono sufficiente beneficio. Anche di fronte a una grave o totale distruzione delle cellule deputate alla ricezione degli stimoli sonori, con l’impianto le informazioni acustiche trasformate in stimoli elettrici, vengono inviate direttamente al nervo acustico e da questo al cervello, grazie agli elettrodi impiantati nella coclea.
L’intervento viene effettuato al microscopio in anestesia totale. L’impianto è formato da una parte esterna e da una interna, impiantabile chirurgicamente sotto cute.

La protesi è formata da una parte esterna (microfono, processore e sistema di collegamento) e da una parte interna (ricevitore e elettrodi). Il contatto tra le due parti avviene mediante un magnete.

impianto cocleare

Il microfono appoggiato all’orecchio, capta i suoni e li invia all’elaboratore dei suoni che elabora l’energia elettrica. L’energia arriva attraverso il microfono al trasmettitore, da questo al ricevitore impiantato sotto la pelle in una nicchia dell’osso, quindi agli elettrodi inseriti all’interno della coclea. Gli elettrodi stimolano le fibre nervose del nervo acustico che a sua volta invia il messaggio al cervello.
Una volta effettuato l’impianto si procede alla fase di regolazione chiamata “mappaggio” che si basa sulla ricerca della soglia uditiva minima e massima e sulla distribuzione in frequenza del segnale sonoro agli elettrodi attivabili. La fase più delicata è quella della riabilitazione che è indispensabile perchè la persona impiantata possa riadattarsi al mondo sonoro.
Il soggetto impiantato viene allenato a percepire dapprima i suoni e i rumori ambientali (campanello della porta, trillo del telefono, cinguettio degli uccelli, abbaiare del cane, voci, musica, ecc.), poi a identificare la prosodia del discorso (durata, ritmo, intonazione, accentazione, ecc.), infine le parole e le frasi.

 

Articoli correlati

6 Risposte a “Impianto cocleare”

  1. Harmony, l’orecchio bionico - BioBlog scrive:

    […] Questo dispositivo rappresenta la nuova generazione degli impianti cocleari, molto più avanzato dei modelli precedenti, permette l’ascolto di 120 bande spettrali e aiuta in modo significativo la qualità della vita nelle persone affette da sordità severe. […]

  2. tepa49 scrive:

    si forse ma dopo una lunga riabilitazione dell’udito. E’ comunque il personale specializzato addetto alla riabilitazione deve essere molto bravo, altrimenti tutto e’ stato inutile.

  3. Tornare a sentire con le staminali - BioBlog scrive:

    […] Studi dell’équipe di Pisa e di Ferrara dimostrano che cellule staminali iniettate per via endovenosa, arrivano fino all’orecchio, interagiscono con le cellule presenti, si integrano e sopravvivono. Le nanomolecole con le cellule staminali possono essere introdotte nell’orecchio interno, per stimolare le cellule staminali silenti, ma anche per rigenerare i neuroni, per mezzo dei nuovi impianti cocleari. […]

  4. dr hamidi m. scrive:

    salve dottore il mio figlio sentiva dall, orecchio destra quasi 25 db e al improviso e smesso
    a sentire, adesso il suo medio specialista sta iniettando dexametasone nei orecchi per un ciclo di 5 volte e dice che stato un virus ,io penso anche a nutrizione perche due setteimana fa ha mangiato un contenitore di nutella
    non so quanto puo centrare, se possibile vorrei sapere il suo parere,
    grazie per la sua gentilezza

  5. SUSY scrive:

    VEDO APPARIRE IL MIO INDIRIZZO DI POSTA ELETTRONICA, POTETE PER FAVORE TOGLIERLO?

  6. Federico scrive:

    La sua email appariva perché lei stessa l’ha inserita nel campo “URL”.

Rispondi